Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Abruzzo, costituito il Comitato Regionale del Volontariato di Protezione Civile

Abruzzo, costituito il Comitato Regionale del Volontariato di Protezione Civile

gianluca Nov 26,2018 0 Comments


Il Sottosegretario d’Abruzzo Mario Mazzocca annuncia la nascita del Comitato Regionale del Volontariato di Protezione Civile, vera e propria Consulta composta da rappresentanti istituzionali e dai Presidenti delle organizzazioni di volontariato iscritte nell’Elenco Territoriale convenzionate con la Regione Abruzzo. Si tratta di un provvedimento atteso da anni che conferisce più peso alla voce del volontariato di PC.
«Le organizzazioni del volontariato – dichiara il Sottosegretario Mazzocca – hanno costituito, in tutto il territorio regionale, un servizio di pronta risposta alle esigenze della Protezione Civile delle comunità abruzzesi, tanto in grado di rendere più efficace ed efficiente l’azione del sistema di Protezione Civile Regionale quanto capaci di operare proficuamente integrandosi con le forze istituzionali presenti sul territorio, valorizzando la cittadinanza attiva ed organizzata presente in quasi tutti i Comuni della Regione».
«Fin dall’inizio del mandato – continua Mazzocca – ho sempre attuato una politica di sostegno al volontariato di Protezione Civile, il quale, durante i numerosi eventi calamitosi che ci hanno colpito negli ultimi anni, ha operato con grande dedizione e professionalità, riconosciuta anche a livello nazionale. Per tale motivo, l’esecutivo regionale ha scelto di costituire un “Comitato regionale del volontariato di protezione civile”, una vera e propria Consulta composta oltre che da rappresentanti istituzionali, dai presidenti delle organizzazioni di volontariato iscritte nell’Elenco Territoriale convenzionate con la Regione Abruzzo».
«Il Comitato, che ha la finalità di promuovere lo sviluppo e l’innovazione del sistema del volontariato oltre che le procedure di impiego e la relativa formazione, è un organo consultivo, di confronto e informazione della Regione Abruzzo, e pone le basi per alimentare l’indispensabile sostegno operativo alle istituzioni locali in raccordo con tutte le componenti del sistema, implementando gli elementi di cooperazione e sinergia.
Il Comitato regionale, nello specifico, è costituito dal Direttore del Dipartimento in qualità di Presidente (o dal Dirigente del Servizio Emergenze di PC delegato); dai Responsabili degli Uffici del Servizio Emergenze di PC, da un rappresentante dell’Anci Abruzzo per i Gruppi Comunali di PC; da 4 rappresentanti delle Organizzazioni di volontariato nazionali iscritte nell’Elenco centrale del Dipartimento Nazionale della PC e 9 rappresentanti delle Organizzazioni regionali regolarmente iscritte nell’Elenco territoriale e convenzionate con la Regione Abruzzo ripartite su base provinciale ed estensione territoriale (n.3 per la Provincia di L’Aquila, n.2 per ciascuna delle Province di Chieti, Pescara e Teramo). Con l’istituzione del Comitato sarà migliorata la sinergia esistente tra il volontariato e la Regione e sarà più facile contemplare le esigenze delle Organizzazioni nel complesso sistema di norme e compiti di Protezione Civile».
«Sono stati anni intensi – conclude Mazzocca – che, nonostante le pressoché continue emergenze sul nostro territorio, non ci hanno impedito di approfondire le esigenze del mondo del volontariato abruzzese e di dare delle prime importanti risposte. E’ stato avviato un importante percorso di coinvolgimento del volontariato, tanto nell’ambito della formazione (sia del volontariato di base che di 120 ‘formatori’ abruzzesi), quanto nel miglioramento del supporto economico e gestionale delle risorse quali mezzi ed attrezzature delle organizzazioni di volontariato, strumenti che diventano indispensabili nella gestione delle emergenze reali come quelle patite più o meno continuativamente dal marzo 2015. Il percorso di trasparenza avviato in tutte le sedi, dal primo volontario all’ultimo funzionario regionale, non può che renderci consapevoli del fatto che la strada imboccata è quella giusta ma che resta ancora da percorrerne un buon ultimo tratto».

161 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author