Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Politica » È D’Alonzo il candidato alla presidenza della Provincia designato dal Partito Democratico

È D’Alonzo il candidato alla presidenza della Provincia designato dal Partito Democratico

gianluca Ott 11,2018 0 Comments


Il Partito Democratico ha indicato, all’unanimità, il Sindaco di Crognaleto Giuseppe D’Alonzo come candidato a presidente della Provincia. Per il PD si tratta di una proposta di candidatura sostenibile e capace di intercettare il consenso necessario a garantire la prosecuzione della gestione amministrativa dell’Ente Provincia.
La Provincia di Teramo dal 2014, dopo una necessaria fase di riordino a seguito dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni normative, è stata chiamata, suo malgrado, a rispondere a sfide complicate ma altrettanto ambiziose derivanti principalmente dalle emergenze che si sono susseguite a partire dal sisma di Agosto 2016.
“Il lavoro istituzionale portato avanti dal Presidente Renzo di Sabatino e dai due consigli provinciali eletti nel 2014 e nel 2017 ha determinato, in capo all’Ente, l’assegnazione di un’ingente mole di risorse economiche per investimenti atte a garantire un importante programma operativo per i prossimi anni sulle infrastrutture viarie e sul patrimonio dell’edilizia scolastica.
Tuttavia rimangono irrisolti numerosi problemi derivanti dalla gestione delle esigue risorse di parte corrente necessarie a sostenere l’attività ordinaria dell’Ente, pur trovandosi in una situazione di assoluto equilibrio sotto l’aspetto economico finanziario.
Pertanto il prossimo quadriennio dovrà essere dedicato ad implementare la programmazione già esistente e a dare un assetto definitivo alla nuova forma dell’Ente Provincia derivante dalla riforma incompiuta del 2014, rendendo l’istituzione di Via Milli baricentro dell’azione amministrativa congiunta dei comuni teramani e fulcro dell’attività corale dei territori, facendosi portavoce delle importanti istanze collettive che caratterizzano Teramo e Provincia a partire dal tema della messa in sicurezza del bacino acquifero del Gran Sasso, delle infrastrutture viarie autostradali, senza trascurare la problematica della difesa del territorio dal dissesto idrogeologico e dei corsi d’acqua fluviali fino alla costa e dei relativi problemi che investono i sette comuni adriatici con l’erosione costiera e la gestione dei corsi d’acqua nella loro parte terminale”.

114 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author