Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Politica » Il Movimento Politico “Roseto al Centro” sottolinea i due anni di fallimenti dell’Amministrazione Di Girolamo

Il Movimento Politico “Roseto al Centro” sottolinea i due anni di fallimenti dell’Amministrazione Di Girolamo

gianluca Lug 16,2018 0 Comments


Roseto. Si è tenuta la conferenza stampa del gruppo dirigente del Movimento Politico “Roseto al Centro”, rappresentato dal Segretario Toriella Iezzi, dal Presidente Maristella Urbini e dal Vice Segretario Andrea Marziani, unitamente ai Capigruppo in Consiglio Comunale, Enio Pavone e Nicola Di Marco, al fine di analizzare i due anni di amministrazione Ginoble-Di Girolamo.
Nel corso della conferenza stampa sono stati evidenziati i seguenti aspetti negativi che hanno contraddistinto questi due anni di gestione di monocolore Pd della Città. Il Segretario Iezzi ha evidenziato, in particolare, lo scarso senso di democrazia nella gestione della cosa pubblica, in particolare per quanto riguarda alcune commissioni comunali, come la Commissione Pari Opportunità e la Commissione Consultiva Contributi. Altresì il Segretario ha comunicato che prossimamente contatterà tutti i partiti e i movimenti che si riconoscono nell’area di centro-destra al fine di costituire un tavolo politico e programmatico per avere una opposizione più incisiva ed organica anche in vista delle prossime scadenza elettorali.
Il Presidente Urbini ha invece sottolineato gli aspetti che riguardano l’assoluto disinteresse da parte dell’amministrazione comunale verso tutti i temi culturali lasciati completamente alle iniziative delle associazioni, evidenziando come alcune grandi manifestazioni quali la sfilata di Carnevale sul lungomare, la rievocazione storica della sciabica, il Premio Donna, Natale sotto l’Albero, siano state cancellate. Oltre a questo ‘è stato l’abbandono di iniziative quali l’acquisto del materiale audio-video di Paolo Bruni, il mosaico romano recuperato dagli scavi vicino all’industria Rolli, l’eliminazione del mercato contadino, la non applicazione del Regolamento di Polizia Rurale e dei prodotti DECO, che ben descrivono il quadro di assoluto disinteresse dell’attuale amministrazione verso queste iniziative. Un’Amministrazione lungimirante e responsabile, secono la Urbini, aveva l’obbligo morale di portare avanti quei progetti meritevoli nell’interesse della collettività.
Il Vice Segretario Marziani ha posto in evidenza l’abbandono dell’ufficio IAT (Ufficio Informazioni Turistiche) che è chiuso nei giorni festivi e segue orari di ufficio nei giorni feriali, cosa inconcepibile per una città a vocazione turistica, e il mancato rinnovo della convenzione che l’Amministrazione Pavone aveva sottoscritto con l’istituto Moretti, sezione Turismo, la mala gestione del servizio di Bike Sharing, la presentazione caotica ed in ritardo di uno pseudo-programma di manifestazioni estive, l’abbandono totale del sito www.visitroseto.it, lo stravolgimento del sito istituzionale del Comune che si presenta caotico e poco fruibile, oltre ad aver eliminato tutta la memoria storica delle precedenti amministrazioni. Inoltre l’assenza totale di qualsiasi iniziativa sulle tematiche giovanili.
Maggiore impegno e presenza istituzionale è stata richiesta al Sindaco dal Capogruppo Di Marco che ha anche dichiarato la disponibilità del gruppo a dare il proprio contributo sui temi che vanno nell’interesse dei rosetani. In aggiunta ha stigmatizzato il comportamento dell’attuale Amministrazione che ancora, a due anni dal suo insediamento, cerca ancora di mascherare la propria manifesta incapacità imputandone le responsabilità a chi l’ha preceduta.
Ha concluso l’ex sindaco Enio Pavone mettendo in evidenza tutte le promesse fatte in campagna elettorale dal sindaco Di Girolamo e puntualmente disattese quali i tagli agli sprechi della struttura comunale, che si è tradotta in assunzioni di personale e quindi maggiori spese; l’abolizione della tassa dei passi carrabili tuttora vigente; l’annunciata riduzione della TARI aumentata invece del 40% massacrando le famiglie e le imprese cittadine; l’inserimento caotico e vessatorio dei parcheggi a pagamento; l’introduzione contro il parere degli operatori turistici della tassa di soggiorno; il promesso bilancio partecipato che si è invece concretizzato nell’abolizione dei consigli di quartiere, strumento di democrazia partecipata reinserita dall’amministrazione Pavone; la mancata realizzazione della palestra di Cologna Spiaggia; il mancato controllo sulla gestione degli Agri-Camping di Cologna Spiaggia, che pone un problema di concorrenza con quelle attività che rispettano le regole e che pagano tutte le tasse previste; la chiusura in piena estate del parcheggio di Via Colombo; l’illuminazione pubblica lasciata allo sbando con i pali che continuano a cadere, cosi come la mancata manutenzione dell’Arena 4 Palme, che se non fossero stati inopinatamente e senza motivo ritirati i due project financing dal sindaco Di Girolamo, avrebbero permesso alla Città di avere oggi una nuova illuminazione pubblica e la proprietà dell’Arena; gli annunci relativi alle imminenti aperture di aziende nella zona dell’autoporto che hanno creato aspettative tra i tanti disoccupati rosetani. Da ultimo, i lavori della Villa Comunale, della pista ciclabile, il ponte di collegamento tra Roseto e Scerne e la messa in sicurezza dell’argine di sistemazione del fiume Vomano, tutto bloccato.
Il Movimento Politico “Roseto al Centro” continuerà la sua seria e costruttiva attività politica sul territorio, mettendo in evidenza tutte le criticità e gli errori dell’Amministrazione monocolore Pd, proponendo anche soluzioni concrete che vanno nell’interesse della città.

207 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author