Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Politica » Mobilità sostenibile, D’Alberto risponde all’appello dell’ordine degli architetti

Mobilità sostenibile, D’Alberto risponde all’appello dell’ordine degli architetti

gianluca Mag 09,2018 0 Comments


Teramo. Quello della mobilità sostenibile è uno dei temi su cui oggi si gioca la riqualificazione delle città. Un tema sul quale il candidato sindaco Gianguido D’Alberto raccoglie l’appello lanciato dall’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Teramo, che insieme alla sezione locale Fiab ha invitato la futura amministrazione comunale a portare avanti politiche che rendano la città realmente a misura di pedone e di ciclista. D’Alberto annuncia che nel programma della sua coalizione, tra i punti qualificanti, c’è proprio la redazione del piano urbano della mobilità sostenibile e il progetto di un collegamento ciclo-pedonale tra Teramo e San Nicolò.
“Più volte, nel corso dell’ultima legislatura, abbiamo sollecitato l’amministrazione Brucchi sulla redazione di un piano urbano della mobilità sostenibile – dichiara D’Alberto – ma la maggioranza di centrodestra, che oggi si ripresenta alle elezioni sotto mentite spoglie e presunzione di rinnovamento, l’ha completamente rimosso dalla propria azione politico-amministrativa. Lo stesso piano urbano del traffico che, per essere incisivo, dovrebbe essere programmato insieme a quello per la mobilità sostenibile, è stato solo predisposto e mai approvato per problemi politici, lasciando che la tanto sbandierata città del pedone e della bicicletta restasse lettera morta”.
Al contrario, l’impegno del candidato sindaco è quello di portare l’approvazione del piano urbano della mobilità sostenibile all’attenzione del consiglio in tempi brevissimi.
“Abbiamo intenzione di potenziare il servizio di bike sharing, che la precedente amministrazione ha gestito malissimo lasciando stazioni e biciclette in uno stato di totale abbandono – continua D’Alberto – e creare percorsi ciclopedonali che non siano frutto di interventi slegati, come fatto fino ad oggi, ma che al contrario si inseriscano nel tessuto urbano in piena sicurezza. Oggi non è così, anche per via delle condizioni in cui versano le strade cittadine. Basti pensare al percorso ciclopedonale alla Gammarana o a alla pista ciclabile a Colleparco, che presentano numerose lacune e criticità”.
Tra gli obiettivi del programma del candidato sindaco Gianguido D’Alberto anche la realizzazione di un collegamento ciclopedonale tra Teramo e San Nicolò, per il quale esiste già una progettazione preliminare da parte della Provincia.
“Un progetto rispetto al quale il Comune di Teramo può svolgere un ruolo decisivo nella fase della progettazione esecutiva – conclude D’Alberto – e per la cui realizzazione sono necessari circa 4 milioni di euro, da far arrivare attraverso una rimodulazione dei fondi del Masterplan o cercando di intercettare finanziamenti europei dedicati alla mobilità alternativa. Anche su questi temi, in ogni caso, coinvolgeremo le associazioni e gli ordini professionali competenti, nell’ottica della massima partecipazione sulle scelte relative al futuro della città”.

117 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author