Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Politica » Roseto al Centro: solidarietà all’ex Sindaco Enio Pavone

Roseto al Centro: solidarietà all’ex Sindaco Enio Pavone

gianluca Feb 19,2018 0 Comments


Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di Toriella Iezzi, Segretario del Movimento Politico “Roseto al Centro”:
Intendo esprimere ,a nome di tutto il gruppo, solidarietà umana e politica all’ex Sindaco Enio Pavone e a tutta la sua amministrazione (giunta e consiglieri), all’ex Presidente del Consiglio Nicola Di Marco ,ai funzionari e ai dirigenti, tutti profondamente molto toccati da questo atto vile e meschino, inerente l’esposto alla Procura della Repubblica da parte del Sindaco Sabatino Di Girolamo, dell’assessore Antonio Frattari ,del Segretario Generale e del dirigente del settore tributi Dott.ssa Crisucci.
Sono sicura che l’ex Primo Cittadino e la sua maggioranza ha sempre agito nel rispetto della legge e nell’interesse della città.
L’amministrazione Di Girolamo, incapace di governare, sin dal suo insediamento ha sempre cercato di scaricare la propria responsabilità ed inadeguatezza buttando fango su chi lo ha preceduto.
L’atto firmato dal Sindaco e dai suoi collaboratori è di una gravità unica, che avvelenerà sempre di più il clima politico-amministrativo in questa città.
Un episodio del genere non si ricorda a memoria d’uomo nella nostra Roseto.
Oggi amministrare è difficile, soprattutto in questi anni di lunga e persistente crisi economica. Se non si è in grado di farlo e non si è adeguati al ruolo, bisogna onestamente prenderne atto e rassegnare le proprie dimissioni e non scaricare ogni giorno calunnie nei confronti di chi onestamente e con grandi sacrifici ha esercitato per cinque anni il ruolo di guida amministrativa della città.
Quando la politica si rivolge alla magistratura significa che ammette la propria incapacità, significa che ha abdicato al proprio ruolo.
Meglio trasferire potere e responsabilità ai giudici e mettersi al riparo, facendosene scudo (decisione obbligata per legge) ed attribuire il giudizio finale alla magistratura anziché alle scelte operate in sede politica.

335 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author