Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Comuni » Castelli » Castelli: al via il corso di “Tartuficoltura. Norme e tecniche di base per realizzare tartufaie”

Castelli: al via il corso di “Tartuficoltura. Norme e tecniche di base per realizzare tartufaie”

gianluca Feb 06,2018 0 Comments


Castelli. Parte corso di “Tartuficoltura. Norme e tecniche di base per realizzare tartufaie”, che si terrà a Castelli nell’aula magna del Liceo Artistico “Grue” dal 12 febbraio al 5 marzo, con l’organizzazione della locale associazione tartufai “Il Faggio.
L’iniziativa di info-formazione è aperta a tutti gli interessati al settore della tartuficoltura, proprietari di terreni agricoli siti in aree disagiate e vocate alla produzione del tartufo, da recuperare per la produzione del pregiato tubero. In particolare la misura 8.1 del Psr Abruzzo prevede specifiche misure di sostegno economico alla forestazione e all’imboschimento dei terreni seminativi (con estensione di almeno un ettaro), stanziando fino a 5mila euro ad ettaro per l’impianto e un indennizzo annuo per mancata redditività pari a 700 euro/ettaro per i primi 12 anni, oltre al contributo annuo per la coltivazione.
Di queste misure e delle modalità di partecipazione al bando regionale, con scadenza al 31 marzo, si parlerà nel corso del primo incontro, il 12 febbraio, alle ore 19, a cura di Pasquale Cantoro, responsabile della Confederazione Italiana Agricoltori L’Aquila-Teramo. Negli incontri successivi, rispettivamente nelle date del 19 febbraio, 26 febbraio e 5 marzo (sempre con inizio alle ore 19), a cura di Gabriella Di Massimo, ricercatrice dell’Università di Perugia e componente del Tavolo di settore per la filiera tartufo del Ministero delle Politiche Agricole, si parlerà di nozioni di micologia generale e speciale (morfologia ed ecologia del tartufo); di principi di coltivazione delle principali specie di tartufo e di gestione delle tartufaie coltivate, controllate e naturali.
“Abbiamo promosso questa iniziativa – spiega Giovanni Schiappa, presidente dell’associazione “Il Faggio” – per informare sulle opportunità per un settore in continua crescita ed evoluzione, quale quello della tartuficoltura, che può essere volano per l’economia delle aree interne, contrastandone lo spopolamento e favorendo la tutela e la gestione sostenibile del territorio. Si consideri che l’Abruzzo, dopo l’Umbria, è la seconda regione italiana per la produzione del tartufo e che grazie alla nuova normativa, che impone la riconoscibilità e tracciabilità del prodotto, ci sarà finalmente per il Tartufo d’Abruzzo, finora commercializzato con altri marchi, il riconoscimento che merita”.
Il corso è gratuito e promosso dall’associazione “Il Faggio” in collaborazione con CIA L’Aquila-Teramo e con il patrocinio del Consorzio Bim, della Provincia di Teramo, dei Comuni di Castelli, Isola del Gran Sasso, Castel Castagna, Colledara, Tossicia e Liceo Artistico “Grue”, che ha concesso l’utilizzo della sua sede.
Al termine degli incontri verrà organizzata per i corsisti una visita guidata ad una tartufaia coltivata.

344 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author