Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Parità di genere nella governance sportiva

Parità di genere nella governance sportiva

gianluca Gen 26,2018 0 Comments


Tiziana Di Cimbrini, ricercatrice della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Teramo, partecipa a uno studio sulla parità di genere nella governance delle organizzazioni sportive nell’ambito di un progetto di ricerca Erasmus +, finanziato con 320.000 euro dalla Commissione Europea, che coinvolge cinque Paesi europei.
L’Università degli Studi di Teramo collabora, infatti, con altre quattro università europee al progetto di ricerca Corporate governance in sport organizations: A gendered approach (GESPORT) che ha lo scopo di promuovere una maggiore partecipazione femminile negli organi direttivi delle federazioni e delle associazioni sportive coerentemente con il programma Erasmus + Sport, identificando strumenti efficaci di promozione dell’equilibrio di genere.
Tiziana Di Cimbrini parteciperà alla ricerca in collaborazione con Luisa Esteban, coordinatrice dello studio, dell’Università di Zaragoza (Spagna); Charlotte Smith, della Business School dell’Università di Leicester (Regno Unito); Emilia Fernandes, dell’Università di Minho (Portogallo); Gonca Güngör Göksu, dell’Università di Sakarya (Turchia).
Nell’ambito del progetto, che è partito il 1° gennaio e si concluderà il 31 dicembre 2020, si è già tenuto il primo meeting transnazionale all’Università di Zaragoza.
«L’ordinamento legislativo italiano ‒ ha spiegato Tiziana Di Cimbrini ‒ rispetto a quello di altri Paesi, ha dimostrato una buona sensibilità nei confronti del tema della parità di genere. Basti pensare a quanto la nostra Costituzione sia attenta in questo senso, al nostro Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna e all’introduzione di quote di genere nei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa. Questa sensibilità, però, non trova un adeguato riscontro nel mondo dello sport italiano in cui, come una recente inchiesta giornalistica ha rilevato “le donne vincono ma non contano”. Gli studi relativi alla presenza femminile nei centri di governo dello sport sono ancora pochissimi. Questo progetto di ricerca può aiutare le donne che aspirano a una carriera all’interno delle organizzazioni sportive a scardinare il monopolio maschile».

154 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author