Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Provincia di Teramo: il 2017 si chiude con un bilancio positivo

Provincia di Teramo: il 2017 si chiude con un bilancio positivo

gianluca Gen 02,2018 0 Comments


Provincia di Teramo. Il 2017 si chiude con un volume di spesa su strade e scuole di oltre 48 milioni di euro. Il 2018 si apre con i nuovi finanziamenti ottenuti per gli istituti superiori: Ipsia Marino (5 milioni e 440 mila euro), liceo Einstein (3 milioni e 700 mila euro), Comi 2 (2 milioni e 800 mila euro), il liceo Curie di Giulianova (2 milioni e 800 mila euro) e la possibilità, la richiesta è di questi giorni, di ottenere dei fondi per l’Artistico, l’Ipsia di Giulianova e un ulteriore finanziamento per il Milli di Teramo. Alle scuole, priorità dell’amministrazione provinciale, bisogna aggiungere il finanziamento, sempre a valere sui fondi per il sisma, per il Palazzo della Prefettura, oltre 5 milioni di euro. Per quanto riguarda la viabilità nel 2018 ci saranno le risorse messe e disposizione dalla Regione per la manutenzione ordinaria 15 milioni e quelli del terzo stralcio ANAS per il post sisma circa 11 milioni.
“Conti e bilancio in ordine, e non era affatto scontato; mi permetto di dire un ottimo lavoro sulle scuole, la possibilità di riprendere a programmare gli investimenti grazie alle scelte compiute sul patrimonio e sulla spesa corrente e alle scelte del Governo che con la finanziaria di Stato, almeno in parte, ha restituito alle Province le proprie entrate. Il 2017, iniziato in maniera drammatica, si chiude con aspettative positive e speranze: non sarà questa amministrazione a gestire le opere ma lasceremo un ente ben saldo e con un piccolo patrimonio da utilizzare” così il presidente Renzo Di Sabatino ha sintetizzato l’anno 2017. La Provincia di Teramo è fra quelle che non ha avuto bisogno del fondo aggiuntivo stanziato dal Governo per gli enti con i conti in rosso: “nonostante terremoto e calamità naturali assolutamente straordinarie non ne abbiamo avuto bisogno” sottolinea Di Sabatino ricordando le scelte strategiche di fondo: il conferimento all’Invimit di beni immobili, la revisione della spesa, i tagli sulle partecipate (Agena, società in house, è una delle poche in Italia ad aver conseguito un utile). “E’ ovvio che questo non è sufficiente a tornare alla normalità, ovvero alla piena e adeguata soddisfazione delle esigenze del territorio e dei cittadini sui servizi essenziali: in particolare c’è ancora molto da fare e da spendere per riportare la viabilità ad una misura dignitosa, ma ci stiamo lavorando”.
Intanto la Provincia aprirà una sala operativa (con ponti radio e strumenti per il monitoraggio di mezzi e uomini) che entrerà in funzione per la gestione delle criticità: “Non ci sovrapponiamo alla Prefettura e alla Protezione Civile che coordinano l’emergenza – precisa Mauro Scarpantonio, consigliere delegato alla viabilità – ma useremo un protocollo per migliorare gli interventi sulle strade e sulla viabilità facendo tesoro delle esperienze fatte in questi anni”.
Nella carrellata di azioni portate avanti: la manifestazione a Roma per far modificare il Decreto Sisma e includere i danni da maltempo e dissesto (emendamenti in collaborazione con l’Upi): la revisione delle partecipate (significativo l’impegno per riportare in bonus la Gran Sasso spa e rimettere sul mercato gli impianti sciistici; Agena, società in house per energia e ambiente, è fra le poche in Italia ad essere in attivo e nel 2018 si occuperà anche di certificazioni energetiche); la decisione di tornare a gestire direttamente il Centro Antiviolenza e Casa Maya con un aumento considerevole dell’utenza; l’acquisizione della parte di immobile che ospita il Convitto Delfico; l’affitto di parte dell’ex Medio Credito alla TEAM nell’ambito di un piano di razionalizzazione del patrimonio immobiliare.
Da sottolineare tutta l’operazione fatta nell’ambito della gestione del patrimonio scolastico in nome della sicurezza: le risorse non vincolate derivate dalla vendita della Caserma dei Carabinieri (oltre 3 milioni e mezzo) sono state destinate alla scuola per la mappatura degli indici di vulnerabilità e gli interventi per l’acquisizione dei certificati antincendio. Queste attività, insieme ai finanziamenti ottenuti, sottolinea il consigliere delegato Mirko Rossi, consentiranno di ripensare anche la collocazione dei diversi istituti in ragione dei flussi scolastici e delle iscrizioni e anche, per quanto riguarda il capoluogo, il recupero completo del Comi e la possibilità di riportare in centro storico istituti che oggi sono periferia.
Nel merito, per la vulnerabilità sismica degli edifici scolastici sono stati spesi 582 944 euro; 58 000 mila euro sono stati impegnati anche per l’esecuzione delle verifiche di negli edifici strategici per la protezione civile. Le verifiche hanno coinvolto 25 edifici ed oltre 50 professionisti (vedi schede allegate per i dettagli dei finanziamenti).
Infine, ma non da ultimo, le politiche industriali; la Provincia di Teramo è l’unica in Abruzzo che svolge attività di mediazione nelle vertenze, una precisa volontà politica. Il ruolo di mediazione dell’ente ha contribuito alla positiva conclusione di situazioni conflittuali: quello per la Lazzaroni, la Gelco, la Golden Lady, l’Amadori, l’Atr, la DG Capital per citare i casi più significativi.

315 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author