Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » La sicurezza alimentare durante le festività natalizie: i consigli dell’IZSAM

La sicurezza alimentare durante le festività natalizie: i consigli dell’IZSAM

gianluca Dic 25,2017 0 Comments


Nel periodo di Natale le nostre tavole sono sempre apparecchiate e piene di ogni prelibatezza. Porre maggiore attenzione non solo a quanto si mangia ma anche a cosa si mangia, alla preparazione e conservazione dei cibi, dovrebbe essere un imperativo ma non sempre è così. Per fortuna in Italia il sistema dei controlli alimentari funziona molto bene per l’impegno silenzioso di diversi attori istituzionali preposti alla tutela sanitaria dei cittadini.
Tra questi attori c’è l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (IZSAM) che da sempre tutela la salubrità degli alimenti di origine animale. Nel campo della sicurezza alimentare l’IZSAM riveste importanti compiti istituzionali: nel 2002, su incarico del Ministero della Salute, ha sviluppato e tuttora gestisce a Teramo la Banca Dati Nazionale dell’Anagrafe Zootecnica indispensabile per la corretta tracciabilità degli alimenti; dal 2007 ricopre il triplice ruolo di Laboratorio Nazionale di Riferimento per Campylobacter, per Listeria monocytogenes, per Diossine e PCB.
Mentre le diossine sono entrate nel dibattito pubblico e se ne percepiscono i pericoli, Campylobacter e Listeria dicono ancora poco ai consumatori: “Si tratta di due batteri dannosi per la salute umana – afferma il Direttore Sanitario dell’Istituto Nicola D’Alterio – il Campylobacter è agente di gastroenterite ma si possono sviluppare complicanze come l’artrite, disturbi reumatici, infiammazioni di fegato e reni. La trasmissione della campylobacteriosi è legata al consumo di carni, soprattutto avicole, crude o poco cotte e alla contaminazione nella preparazione domestica degli alimenti. La Listeria monocytogenes è presente in un’ampia gamma di alimenti – continua il dott. D’Alterio – nell’uomo e negli animali provoca patologie alimentari identificate con il nome di listeriosi: meningiti e infezioni che colpiscono per lo più neonati, bambini, donne incinte e anziani. In Nord America e in Europa Occidentale è tra le prime cause di meningite batterica nell’uomo. Anche in Italia abbiamo avuto un focolaio di listeriosi, tra il 2015 e il 2016, che ha colpito principalmente la Regione Marche con 24 casi clinici confermati. La stretta collaborazione, nello spirito dell’approccio alla Salute Unica, tra i Servizi Veterinari marchigiani, l’IZS dell’Umbria e delle Marche e il Laboratorio Nazionale di Riferimento per Listeria monocytogenes del nostro Istituto ha permesso di chiudere il focolaio a ottobre 2016, scongiurando così pericoli per la salute umana. La prevenzione della listeriosi e della campylobacteriosi – chiosa il Direttore Sanitario dell’IZSAM – è legata a una corretta prassi igienica, nonché alla corretta manipolazione degli alimenti: aspetti sui quali invito tutti a fare particolare attenzione, ancor più nel periodo delle festività natalizie durante il quale trascorriamo più tempo a tavola e in cucina”.

445 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author