Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Roseto: il consiglio comunale recepisce la Legge Regionale 40 sul recupero edilizio

Roseto: il consiglio comunale recepisce la Legge Regionale 40 sul recupero edilizio

gianluca Dic 16,2017 0 Comments


Roseto. Il consiglio comunale ha recepito la legge regionale n. 40 del primo agosto 2017, “Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente. Destinazioni d’uso e contenimento dell’uso del suolo, modifiche alla legge regionale 96/2000 e ulteriori disposizioni.”. Questa è finalizzata a promuovere il recupero del patrimonio edilizio esistente, attraverso il recupero dei vani e locali accessori, nonché dei vani e locali seminterrati, situati in edifici esistenti o collegati direttamente a essi, da destinare a uso residenziale, direzionale, commerciale o artigianale, al fine di uno sviluppo sostenibile e di contenere il consumo di suolo.
La Commissione consigliare permanente Urbanistica e gestione del territorio, nel recepire tale legge, ha tenuto conto del territorio comunale rosetano, escludendo le aree di tutela della costa e dell’arenile, delle aree a rischio esondabilità e delle aree a rischio geologico e idrogeologico. Inoltre, la delibera prevede, per gli interventi di recupero relativi alla prima casa, la riduzione al 30 per cento del contributo straordinario dovuto, in riferimento agli oneri concessori.
“Esprimo la massima approvazione”, dice il sindaco Sabatino Di Girolamo, “perché è stata approvata una delibera di fondamentale importanza che va nell’ottica del riuso e del recupero dell’edificato e di evitare l’ulteriore consumo del suolo. Il nostro ente ha circondato l’applicazione di questa importante e fondamentale legge, con una serie di cautele che tengano conto delle particolari caratteristiche del nostro territorio, ma può essere una opportunità per i cittadini. Del resto, la legge 40 persegue obiettivi che sono già quelli della nuova legge urbanistica che la Regione si accinge a deliberare e, in questo contesto, il percorso attuativo andava accompagnato dal nostro Comune per adattarlo alle esigenze del nostro territorio. Ritengo sia stato fatto un ottimo passo verso la cittadinanza. Il percorso in materia urbanistica continua, anche con questo atto, dopo l’incarico per il piano particolareggiato di Roseto capoluogo, dopo il deposito del Pan, Piano di assetto naturalistico, e dopo la delibera di indirizzo per la nomina del nuovo progettista del Prg”.

268 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author