Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Tragico incidente sulla provinciale 22: mancano i fondi per la manutenzione

Tragico incidente sulla provinciale 22: mancano i fondi per la manutenzione

gianluca Nov 20,2017 0 Comments


Teramo. Il tragico incidente sulla provinciale 22 nel quale ha perso la vita il giovane Mattia Loschiavo ripropone in tutta la sua drammaticità le contraddizioni di un Ente, le Province, che non sono in condizioni di garantire i servizi essenziali nonostante la conferma della levatura Costituzionale.
Da qui la richiesta dell’istituzione di un fondo triennale di 500 milioni l’anno per gli investimenti sulle strade e della riserva per le scuole superiori del 30% delle risorse nazionali destinate all’edilizia scolastica.
Questo pomeriggio alle 15 il Consiglio provinciale sarà chiamato ad approvare un bilancio preventivo 2017 che si contraddistingue per il “peso” economico dei fondi straordinari per il terremoto e il maltempo – che sono però vincolati alla riparazione dei danni – e l’inadeguatezza delle somme destinata alla manutenzione.
“In queste circostanze il dolore e il cordoglio prevalgono su ogni altra valutazione – afferma il presidente Renzo Di Sabatino – troppo tragico l’accaduto: naturalmente saranno gli inquirenti a stabilire le dinamiche dell’incidente ma non c’è conforto di sorta. Com’è noto la Provincia aveva in programma l’avvio di un cantiere proprio su quella strada rinviato di qualche giorno a causa delle precipitazioni atmosferiche della scorsa settimana. In questi mesi molte Province italiane, a causa della mancanza di risorse per le manutenzioni ordinarie, che sono quelle che garantiscono sicurezza e transitabilità, hanno chiuso le strade particolarmente ammalorate e imposto limiti a 30 chilometri orari. Una decisione drastica che comporta ulteriori disagi ad una moltitudine di cittadini. Anche noi stiamo pensando a misure simili, almeno fino a quando non si risolve la vertenza aperta dalle Province con il Governo con la restituzione delle nostre risorse; le entrate da Ipt e da addizionale Enel che incassiamo ma che devolviamo allo Stato. Anche sul bilancio che approveremo questa sera contiamo circa 35 milioni di euro per il ripristino dei danni da terremoto e maltempo ma appena 5 milioni e mezzo per la manutenzione ordinaria. Una situazione insostenibile e contraddittoria che se non trova una soluzione ci metterà di fronte a scelte obbligate”.

128 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author