Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Comuni » Corropoli‎ » Semitec di Corropoli: “ennesimo rischio delocalizzazione”

Semitec di Corropoli: “ennesimo rischio delocalizzazione”

gianluca Nov 14,2017 0 Comments


Corropoli. I dipendenti della Semitec hanno indetto 16 ore di sciopero a partire da martedì 22.
L’azienda si occupa della installazione e manutenzione di impianti telefonici ed ha una serie di sedi sparse in tutta Italia e occupa in totale 365 addetti. Fa parte del gruppo Siram che recentemente ha manifestato l’intenzione di vendere questo ramo d’azienda.
“Siamo seriamente preoccupati per le notizie apprese a mezzo stampa sullo stato della Semitec -si legge in una nota di Sinistra Italiana- Se c’è una trattativa in corso vorremmo sapere con chi è su quali garanzie si basa, il solito rischio dietro l’angolo e l’acquisizione di qualche multinazionale estera che poi dal giorno alla mattina chiuda per riaprire in qualche paese estero.
E’ evidente che anche una soppressione della sede con uno spostamento a centinaia di km sarebbe inaccettabile considerando gli anni di sacrifici e le pesanti trasferte sopportate dai dipendenti. Non solo questo, perché negli anni si è spesso ricorso alla cassa integrazione, fino ai tagli nel contratto integrativo.
Per questo motivo vogliamo vederci chiaro è abbiamo chiesto al nostro deputato Giovanni Paglia di intervenire con una interrogazione per chiedere immediatamente un tavolo con gli enti locali e con il Ministero e avere chiarezza sul futuro dell’azienda e dei dipendenti.
Oltre ad esprimere solidarietà, dovuta a chi oggi vive nell’incertezza, restiamo come al solito basiti di fronte ad una e vera e propria emergenza che dovrebbe vedere un’intera classe politica mobilitata a rilanciare un’industria abruzzese messa a rischio ormai ogni giorno”.

338 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author