Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Cronaca » Era pronto ad uccidere la moglie, fermato dalla Polizia

Era pronto ad uccidere la moglie, fermato dalla Polizia

gianluca Set 14,2017 0 Comments


Sulmona. Nelle prime ore di questa mattina personale della Polizia di Stato ha eseguito la misura cautelare della custodia cautelare in carcere nei confronti di un quarantatreenne albanese, residente a Reggio Emilia responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e minaccia aggravata nei confronti della moglie e delle due figlie minorenni.
La misura è stata emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Sulmona, su richiesta del Procuratore della Repubblica di Sulmona.
Come si legge da un resoconto della Polizia di Stato la donna, il primo settembre scorso, si è presentata presso il Commissariato di Sulmona rappresentando di temere per la propria incolumità e per quella delle figlie di 13 e 14 anni, dopo anni di violenze subite dal marito.
Proprio per sfuggire a questa situazione le tre, dopo un breve soggiorno in Albania nel mese di agosto, durante il quale la donna nel timore di essere raggiunta dal coniuge aveva chiesto e ottenuto un provvedimento restrittivo nei suoi confronti da parte della magistratura albanese, non erano tornate a Reggio Emilia, ma si erano rifugiate presso dei parenti della donna a Sulmona.
L’uomo, venuto a conoscenza di ciò, le aveva raggiunte minacciando di ucciderle con un machete, qualora non lo avessero seguito a Reggio Emilia. L’episodio avveniva alla presenza dei familiari della donna.
Nei giorni successivi alla denuncia, i familiari della donna riferivano di aver saputo da conoscenti residenti in Albania che l’uomo si stava procurando una pistola per uccidere la moglie. Da ultimo, la sorella della donna riceveva sul proprio contatto WhattsApp un video inviato dal cognato in cui lo stesso si procurava con un coltello delle incisioni su un braccio, minacciando apertamente di morte la moglie.
Grazie al tempestivo intervento del personale del Commissariato di Sulmona e dell’Autorità Giudiziaria che, in tempi rapidissimi, ha emesso il provvedimento cautelare più grave, quello della custodia in carcere, si è probabilmente scongiurata l’ennesima tragedia, dal momento che questa mattina il personale della Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia, che è stata delegata ad eseguire il provvedimento, ha trovato l’uomo in procinto di partire per Sulmona con, all’interno dell’autovettura, oltre ai bagagli, un grosso coltello a scatto.
L’uomo è stato condotto presso la Casa di Reclusione di Reggio Emilia, mentre la donna e le due figlie sono attualmente in una struttura protetta.

187 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author