Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

Home » Attualità » Ci Lascia Gastone Moschin

Ci Lascia Gastone Moschin

gianluca Set 05,2017 0 Comments


moschinTerni. È morto oggi all’età di 88 anni nell’ospedale Santa Maria di Terni, poco prima delle 18 , l’attore Gastone Moschin. A dare l’annuncio su Facebook è stata la figlia Emanuela
Moschin, era stato ricoverato lo scorso 30 agosto a seguito di un peggioramento di una grave cardiopatia cronica.
Muove i primi passi come attore di teatro, ma la notorietà arrivò come interprete della commedia all’italiana, diretto da registi come Pasquale Festa Campanile, Damiano Damiani, Sergio Corbucci, Nanni Loy e molti altri.
Il debutto al cinema avviene nel 1955 in “La rivale” di Anton Giulio Majano, nel 1959 l’esordio nella commedia all’italiana, il genere che decreterà la sua fortuna d’attore, con L’audace colpo dei soliti ignoti di Nanni Loy. Ma è del 1962 il ruolo che gli permette di emergere come interprete, quello del fascista Carmine Passante in Anni ruggenti, il film del 1962 diretto da Luigi Zampa, protagonista Nino Manfredi.
Nastro d’argento come miglior attore non protagonista per la parte di Osvaldo Bisigato, ragioniere innamorato di una cassiera e costretto dagli amici a tornare con la moglie per non dare scandalo, in “Signore & signori” di Pietro Germi.
La grande popolarità arrivò con il ruolo dell’architetto Rambaldo Melandri, in “Amici miei” assieme ad Ugo Tognazz, Philippe Noiret , Adolfo Celi e Duilio Del Prete (sostituito poi da Renzo Montagnani).
Ma non solo commedie: Nel 1972 è protagonista del noir Milano calibro 9, di Fernando Di Leo, con al fianco Barbara Bouchet e Mario Adorf. Nel 1973 interpreta Filippo Turati ne Il delitto Matteotti, di Florestano Vancini. Nel 1974 viene chiamato da Francis Ford Coppola per il ruolo del bieco Don Fanucci ne Il padrino – Parte II e interpreta il “cattivissimo” bandito detto Il Marsigliese nel poliziesco Squadra volante di Stelvio Massi, con Tomas Milian e Mario Carotenuto.
Nel 1997 l’ultima interpretazione di Moschin per il grande schermo in Porzus di Renzo Martinelli.

328 Letture
Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Stumble ThisStumbleUpon This Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author